CHI SIAMO PRODOTTI NEWS ATTIVITA' CONTATTI ACADEMY

 

 

ROADWALKING: L'UNICO PIEDE AL MONDO CON 3 APPOGGI A TERRA

Garantisce un cammino completamente assistito durante tutta la fase del passo

 
   

Il Roadwalking è un piede protesico altamente dinamico, adatto alle persone attive, con grado di mobilità  3-4 K-Level. La sua struttura a 3 lamine consente di ottenere una risposta del piede in ogni fase dell'appoggio, poichè in ogni istante lavorano almeno 2 lamine, una assorbe energia elastica e l'altra la restituisce.
Nei piedi presenti in commercio sono presenti dei tempi morti in cui il piede non lavora, nel passaggio da tallone ad avampiede e in corrispondenza della fase finale dell'appoggio, dove la spinta propulsiva è data dalle dita del piede e nel caso del piede protesico, dagli ultimi 2 cm della lamina inferiore.
ROADWALKING è sinonimo di propulsione attiva in ogni istante del passo. Grazie alla sua particolare geometria consente all'utente un cammino rotolato.

  • Piede protesico in fibra di carbonio, a restituzione di energia, laminato in autoclave con processo aeronautico (durata maggiore del piede).
  • Unico piede al mondo con 3 appoggi a terra che consentono un cammino completamente assistito durante la fase del passo.
  • Struttura a 3 lamine: risposta continua e graduale del piede protesico in ogni fase dell'appoggio, grazie al lavoro contemporaneo di due lamine di cui una assorbe energia elastica e l'altra la restituisce.
  • Graduale accettazione del carico, ottima  ammortizzazione e ottimo comfort per il moncone, appoggio stabile, propulsione efficace.
  • La scelta tra le due laminazioni differenti dipende dal peso e dal livello di mobilità dell'utente e consente al soggetto amputato di poter personalizzare il grado di risposta elastica alle proprie esigenze
  • Viteria in Titanio Grado 5 
  • Peso 480g

Il commento degli utenti: "Mi sembra di avere di nuovo il piede sano"

 

Il Roadwalking è costituito da 3 lamine principali:

  • una lamina inferiore che definisce, rispetto ad un piede umano, il calcagno e l'avampiede. La lamina inferiore inizia a lavorare all'Initial Contact: la resistenza e l'elasticità devono essere tali da consentire l'accettazione e l'assorbimento del carico con una funzione di ammortizzazione del calcagno in modo da assicurare il comfort all'utente, ma allo stesso tempo tale da garantire la stabilità . La sua funzione si esaurisce nella fase finale del toe-off, in quanto l'avampiede fornisce la spinta propulsiva finale.
  • Una lamina posteriore che ha la funzionalità dell'apparato muscolo-tendineo soleo-tendine d'achille. Il soleo agisce in contrazione eccentrica durante il secondo rotolamento, per stabilizzare l'appoggio del piede nel piano sagittale perciò la nostra lamina posteriore inizia a caricarsi, quando arriva a contatto con il terreno nell'istante di Mid-stance e genera energia propulsiva, favorendo il passaggio dal Mid-stance alla fase finale del contatto dell' avampiede.
  • una lamina superiore che definisce il collo del piede e ha la funzionalità muscolare del tibiale anteriore. Consente un graduale rotolamento del piede fino al contatto a terra dell'avampiede e gestisce il passaggio dall'Initial Contact al Mid-stance. Attraverso il caricamento garantisce la dorsiflessione in fase di Mid-stance e consente la plantaflessione del piede in fase di spinta propulsiva finale.
    L'attacco piramidale in prossimità della caviglia è l'interfaccia con i componenti modulari della protesi.
     

 
 
TESTING, CERTIFICAZIONI E RICONOSCIMENTI
Norma ISO 10328: a differenza dei concorrenti Roadrunnerfoot testa i suoi prodotti presso un ente valutatore esterno, il Politecnico di Milano.
L'andamento delle forze di reazione al terreno consente un elevato comfort nella fase di assorbimento del carico al primo contatto del piede con il terreno (1) e di sviluppare una forza elevata nella fase finale dell'appoggio che consente la propulsione e l'avanzamento (2), inferiore negli altri piedi in commercio. Risultati delle prove eseguite in accordo alla normativa ISO 10328 sulle protesi del piede in fibra di carbonio presso i laboratori del Dipartimento di Meccanica del Politecnico di Milano
L'innovazione è stata selezionata dal progetto mirato ad accompagnare le eccellenze imprenditoriali su mercati ad alta potenzialità di sviluppo.